Sign in or Join FriendFeed
FriendFeed is the easiest way to share online. Learn more »
naltro
Gestire le foto su Mac OSX. Visto che l'hard disk del mac è quasi pieno, stavo pensando di spostarle tutte su un hd esterno (saranno una cinquantina di giga, in rapida crescita). E poi gestirle con iPhoto 11. Ha senso? Voi che metodo usate?
Ho lo stesso problema, vediamo un po' i suggerimenti. - Sphera
prima di avere un disco capiente sul macbook ho sempre usato un disco esterno per iPhoto, ovviamente facendo backuo su altro disco di quel disco. - wolly aka calimero
Lightroom + dischi USB pure io - Brixie
Anche in un altro articolo di lifehacker http://lifehac.kr/vZZZaF consigliano Lyn, però non mi convince questo "Lyn doesn't provide facial recognition or organize using Apple's "event" structure". Il riconoscimento facciale è una funzione che ancora non ho mai usato, ma volevo provarci e l'organizzazione per eventi mi piace - naltro
Alessio, Brixie: perché lightroom e non iPhoto? - naltro
lightroom è un'altra cosa è paragonabile ad aperture, è un sw di gestione immagini molto evoluto. - wolly aka calimero
non vorrei che passasse l'idea che il mirror sia un backup :) se usi dei dischi in mirror fai backup anche di quelli su disco esterno. - wolly aka calimero
io ho su lightroom i raw su hd esterno, e le i jpeg su iphoto su hd interno. - Francesco A.
Con iPhoto se tieni premuto il tasto 'alt' quando fai partire il programma ti propone un menu per scegliere con quale archivio/libreria lavorare; potresti quindi frazionare il tuo archivio in due parti e decidere con quale lavorare al momento dell'avvio del programma. - Paolopost
La gestione di un archivio fotografico digitale è una bella sfida. Non vorrei fare del terrorismo ma richiamare la tua attenzione sul problema dei meta dati. Tutte le informazioni riguardo alla organizzazione delle foto in album ed eventi è fortemente dipendente dall'applicativo software, nel tuo caso iPhoto11. Considera che in questo momento non c'è molta attenzione per poter esportare queste informazioni in modo da poterle utilizzare con un altro applicativo software una volta che iPhoto non sarà più supportato (questa è l'unica cosa certa). Gli unici metadati che sono indipendenti dall'applicativo software sono quelli registrati nell'EXIF delle foto. - Paolopost
Ma infatti i metadati tendo a evitarli: quando proprio ne ho voglia, invece che taggare le foto modifico il nome del file "leo mare corsica estate 2011" è brutto da leggere ma abbastanza efficace per fare ricerche, qualunque sia il software utilizzato. - naltro
Prendo nota. - Sphera
[Bookmark, problema simile. Poi leggo] - Stefigno
Paolopost: frazionare l'archivio in due parti: hmmm, idea interessante. Ma diciamo che mi faccio oggi una copia di backup sul disco esterno e sul mac tengo solo le foto del 2012, su cui lavoro, aggiungendone di nuove, rinominandole etc. Dopo un po', ovviamente, l'iniziale copia di backup e la libreria sul Mac saranno diverse: è possibile fare un merge per farle ritornare un'unica libreria? - naltro
Lightroom. Avevo iniziato con iPhoto, ma poi la gestione dei file risultava troppo "opaca" ed era pressoché impossibile, o quanto meno rischioso, operare sui file importati in iPhoto con altri software non Apple ad insaputa di iPhoto. Non so se nel frattempo iPhoto sia diventato più trasparente nella gestione dei file e permetta di distinguere tra catalogo in iPhoto e organizzazione dei file su HD come invece accade con Lightroom. Sempre in termini di gestione file, se si lavora con JPEG Lightroom ha il vantaggio di distinguere chiaramente tra operazioni sui metadati, che per default vengono scritti separatamente, e aggiornamento fisico del file. Poiché il JPEG è "lossy" ogni nuovo salvataggio rischia di far perdere qualità ai contenuti (seppure aggiornamenti dei metadati potrebbero essere fatti senza ricomprimere le immagini) - Giovanni Sarbia